METODO POSTESO – Pavimenti postesi senza giunti

CHIEDI ULTERIORI INFORMAZIONI

Tecnologia e Qualità

I pavimenti industriali postesi sono la soluzione più avanzata, tecnologica e resistente per il settore logistico e industriale.

Risolvono i problemi dei pavimenti industriali tradizionali in calcestruzzo, di vecchia concezione e nello specifico i fenomeni di imbarcamento (curling), tra le cause principali di deterioramento e quello dei giunti di costruzione e contrazione.

I pavimenti industriali postesi, sono infatti realizzati senza giunti, non presentano crepe, non si verificano imbarcamenti. Normalmente i pavimenti in calcestruzzo tradizionali realizzati a lastroni, presentano giunti di costruzione e contrazione che le operazioni della normale attività lavorativa, e soprattutto del transito dei mezzi di movimentazione merci, fanno deteriorare rapidamente, formando rotture e crepe, anche profonde.

Le pavimentazioni industriali realizzate con metodo tradizionale hanno bisogno di costanti interventi di manutenzione per ripristinare i giunti: talvolta si tratta di un temporaneo ripristino con resine o con soluzioni più performanti e definitive, come il nostro Smart Joint®.

I costi di manutenzione legati al ripristino di crepe, imbarcamento delle lastre, perdita di planarità, cedimenti, dei pavimenti industriali di tipo tradizionale aumentano, come anche i danni subiti dalle ruote rigide dei carrelli. Non viene inoltre tutelata la salute degli operatori, che viaggiano su una superficie non perfettamente planare.

Il pavimento post-teso senza giunti è quindi la soluzione di altissima qualità da adottare per superare tutti i limiti che troviamo nei pavimenti in calcestruzzo tradizionali, risolvendo positivamente i problemi costruttivi presenti soprattutto nei fabbricati industriali datati, senza rischio di fessurazione della lastra, né imbarcamento, indipendentemente dalla dimensione del manufatto e dalla planimetria dell’opera. Le strutture verticali, come per esempio i pilastri, non costituiscono alcun problema per la posa dei cavi.

Progettazione e Realizzazione ad hoc

Bisogna sottolineare che la pavimentazione industriale post tesa viene progettata ad hoc. Di assoluta importanza è l’analisi delle esigenze del committente e dalle peculiarità dell’attività svolta. In base a questi parametri viene progettato uno specifico mix design di calcestruzzo da utilizzare per la realizzazione della pavimentazione, così come tutte le altre specifiche tecniche ed esecutive. Viene controllata la filiera di produzione, dalla materia prima all’applicazione in cantiere.

Nella realizzazione secondo progetto, viene posta attenzione alla preparazione qualitativa della massicciata e del sottofondo, con alta planarità e secondo le specifiche di progetto. Non vengono utilizzate le reti metalliche (armatura tradizionale), ma sono sostituite con una serie di cavi d’acciaio (trefoli in acciaio armonico, di tipo e numero progettato), tagliati, fissati, tesi ed annegati nel calcestruzzo in fase di getto. Durante l’asciugatura del calcestruzzo, la tecnica della postensione consiste nell’andare a contrastare la trazione del calcestruzzo in fase di maturazione, andando a mettere in tensione i cavi.

La tensione delle maglie di acciaio rende la gettata di calcestruzzo molto resistente, impedisce le deformazioni della superficie o problemi tipici derivanti dall’utilizzo durante le normali attività lavorative. La stesura del calcestruzzo è effettuata con Laser Screed che gli conferisce caratteristiche di alta planarità e alta resistenza. Il calcestruzzo matura in un “micro-clima controllato”, aumentandone le performance tecniche.

Viene poi effettuata una finitura superficiale con trattamento indurente chimico e termo meccanico, che la superficie ancora più resistente all’usura, compatta e dura. Aumenta la protezione e la lucentezza, la superficie è antipolvere.

Perché scegliere i pavimenti postesi senza giunti?

La tecnica della postensione applicata alle pavimentazioni industriali presenta diversi vantaggi rispetto alla tradizionale pavimentazione industriale in calcestruzzo:

  • Nessuna presenza di giunti di contrazione costruzione
  • Nessun fenomeno di imbarcamento (curling)
  • Nessuna presenza di fessurazioni o crepe
  • Altissima planarità
  • Ottimale per il traffico mezzi di movimentazione e carrelli AGV
  • Ottimale per logistiche, grande distribuzione e magazzini automatizzati, con scaffalature a grandi altezze ed elevati carichi statici o dinamici
  • Nessun movimento verticale delle lastre di calcestruzzo al passaggio dei mezzi di movimentazione merci
  • Nessun costo per la manutenzione del pavimento e soprattutto per la riparazione dei giunti sulla pavimentazione, dovuto al passaggio dei carrelli elevatori
  • Antipolvere
  • Esteticamente più lucido
  • Aumento del valore dell’immobile e dell’investimento

La pavimentazione industriale post-tesa rappresenta quindi la soluzione tecnologicamente più avanzata, sempre più scelta nelle nuove costruzioni industriali che richiedono standard elevati e certificati, anche con necessità di pavimenti con riscaldamento radiante.